Nei giorni scorsi avevamo riportato la denuncia di Mariajo Pons riguardo il trattamento ricevuto dalla sua ex squadra, l’Espanyol, a seguito del suo infortunio.

La società catalana ha risposto attraverso un comunicato stampa pubblicato e condiviso attraverso le sue reti sociali.

Tramite il documento pubblicato, la società giustifica la rescissione contrattuale (6 luglio 2020) per motivi prettamente sportivi.

Riguardo l’infortunio al terzo dito della mano destra avvenuto in allenamento,  la società dichiara:

“RCD Espanyol comprende che ciò che sta esponendo fa parte di un contenzioso che il giocatore mantiene con enti pubblici completamente estranei il nostro club.
La dimissione medica che accredita la sua situazione attuale è stata emessa dalla società di mutuo lavoro che l’ha curata e, successivamente, ratificata dall’ente con la più alta competenza medica in Catalogna”.

A causa dell’infortunio e del calvario durato la bellezza di dieci mesi, la giocatrice ha perso l’80% della funzionalità della mano destra.

La società biancoazzurra ha dichiarato inoltre di riservarsi il diritto di andare per vie legali al fine di salvaguardare la sua immagine.