La Juventus batte l’Hellas Verona per 3-0 e ritrova la testa della classifica di Serie A, che le permette di raggiungere la 100ª vittoria nella storia della società tra campionato e coppe.

L’Hellas Verona difende il pari con denti nei primi 40′ di gioco, cercando di concedere il meno possibile alle avversarie bianconere per poi perdere smalto e condizione, consentendo alle campionesse d’Italia di affondare i colpi e portare a casa i tre punti per la vittoria.

Al 10′ Hurtig di testa trova la parata di Keizer, poi bisogna attendere il 28′ per una nuova occasione da gol con Bonansea che calcia alto da fuori area.

Tra il 33′ e il 35′ Keizer compie un doppio miracolo: prima in uscita su Hurtig respingendo il suo tiro in corner e poi mandando sempre in calcio d’angolo un diagonale pericoloso di Girelli. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Nilden calcia di poco a lato.

La Juventus alza i ritmi e al 41′ sblocca il risultato con la solita Cristiana Girelli, che sugli sviluppi di un corner colpisce di testa e batte Durante per l’1-0.

Prima del fischio finale tocca a Bonansea dalla distanza impensierire Keizer che devia in corner, e a Hurtig trovare una deviazione avversaria che impedisce alla Juve di trovare il bis.

Verona sparisce, la Juve fa tris

Di Hurtig la prima conclusione senza successo della ripresa, fa meglio Girelli che ancora di testa e nuovamente sugli sviluppi di un corner, mette a segno il 2-0.

La giocatrice svedese non ha un buon feeling col gol per merito di Keizer che mura la sua conclusione al 50′ e quella di Staskova un minuto dopo.

Nulla può però sulla conclusione di Valentina Cernoia che risolve una mischia mettendo a segno la rete del 3-0, che di fatto chiude la partita.

Dopo una conclusione di Zamanian dalla distanza e terminato a lato, arriva la risposta scaligera con Lotti la cui conclusione viene bloccata da Aprile.

Al 72′ Pedersen di testa manda alto sugli sviluppi di un calcio da fermo, poi tocca ad Aprile mandare in corner un pallone crossato da Jelecic e diretto in porta.

Zamanian nuovamente pericolosa da fuori al 78′, ma ancora una volta il destro dell’ex PSG termina sul fondo. E da dentro l’area con il medesimo risultato.

Serie A, Inter corsara a Empoli: riconquistata la vetta

Tutto troppo semplice per l’Internazionale Milano di Rita Guarino, che batte l’Empoli a domicilio per 3-0 e aggancia le bianconere, il Milan, la Roma e il Sassuolo in testa alla classifica di Serie A.

Empoli in bambola nella prima mezz’ora e di fatto estromessa dal match, complice anche il primo dei due calci di rigore sbagliati dalle toscane.

Il primo pericolo nerazzurro arriva al 5′ con Landström e Tamborini è costretta a deviare in corner, ma cinque minuti più tardi Pandini anticipa Capelletti e gonfia la rete per l’1-0.

Dopo il colpo di testa di Bragonzi a lato (14′), l’Inter ha l’opportunità dagli undici metri per atterramento di Capelletti su Marinelli. Dal dischetto Karchouni spiazza il portiere per il 2-0.

L’Empoli potrebbe tornare in partita grazie al rigore assegnato per fallo di Durante su Cinotti, ma Prugna calcia clamorosamente alto (24′).

Gol sbagliato, gol subito. Al 28′ Marinelli parte dalla destra, entra in area e supera il portiere con un diagonale che vale il tris nerazzurro.

Il poker è servito

E le reti potrebbero diventare quattro quando Mella effettua un rischioso retropassaggio di testa, che Capelletti para salvando la sua porta.

L’empolese Nichele prova in due occasioni a bucare la porta di Durante, ma in entrambi i casi non trova la porta.

Ripresa in salita per le toscane, che al 47′ cadono per la quarta volta: retropassaggio errato verso Capelletti, pallone gustoso per Bonetti che salta in portiere e deposita in rete.

E se non fosse per il salvataggio di Brscic sul tiro ravvicinato di Marinelli, le reti delle nerazzurre potrebbero essere cinque.

L’Empoli si fa vedere con Prugna al 55′ ma il tuo tiro è diretto sopra la traversa. Va meglio a Bardin che al 62′ fa tutto da sola e batte Durante con un diagonale imprendibile per l’1-4.

In tre minuti l’Inter crea due opportunità per il pokerissimo con Portales Nieto che calcia a lato (66′) e con Marinelli che trova la respinta in corner di Capelletti (69′).

La giornata nera dell’Empoli continua al 86′, quando Bragonzi sbaglia il calcio di rigore assegnato per fallo di Alborghetti su Dompig.

Al 89′ la stessa Bragonzi prova a rimediare con una bella giocata che la porta a calciare di poco a lato. Nel recupero Prugna trova soltanto una deviazione in corner.

Serie A, risultati e classifica (3ª giornata)

Ecco i risultati della terza giornata di Serie A:

  • Lazio – Milan 1-8 (78′ Martin; 5′ e 54′ Thomas, 11′, 30′ 32′ e 57′ Giacinti, 67′ Boquete, 86′ Cortesi)
  • Sassuolo – Sampdoria 2-0 (41′ Filangeri, 58′ Cantore)
  • Pomigliano – Roma 1-2 (63′ Moraca; 23′ Glionna, 54′ Pirone)
  • Juventus – Hellas Verona 3-0 (41′ e 48′ Girelli, 53′ Cernoia)
  • Empoli – Inter 1-4 (62′ Bardin; 10′ Pandini, 22′ rig. Karchouni, 28′ Marinelli, 47′ Bonetti)
  • Napoli Femminile – Fiorentina 1-0 (83′ Acuti).

Milan, Juventus, Roma, Inter e Sassuolo in testa con 9 punti, davanti a Napoli a 4, Sampdoria a 3, Pomigliano ed Empoli a 1 punto, Fiorentina, Lazio e Hellas Verona a 0.