La Juventus batte l’Empoli per 4 a 3 al termine di un emozionante anticipo serale valido per la terza giornata di campionato di Serie A.

Partita dalle mille emozioni soprattutto nella ripresa e una Juve che trema e non poco di fronte a un’avversario tutt’altro che timoroso.

Tre rigori assegnati durante i 90 minuti più recupero, tre le reti che la Juve ha subito in un solo incontro, seconda volta da quando è in serie A (prima c’era riuscito solo il Milan), tre punti conquistati che proiettano la formazione allenata da Rita Guarino in testa alla classifica e insieme alle rossonere.

E tre sono anche le reti della capocannoniere della Juventus Cristiana Girelli, distante una lunghezza dalla leader Polli a segno anche stasera.

La partita

La prima conclusione della partita arriva al minuto 8 su calcio di punizione fischiato in favore della Juventus. Girelli non centra lo specchio della porta.

Ancora Juve al 11′ con Aurora Galli che arriva con il corpo all’indietro e spara alto.

Due giri di lancette dopo la Juve sblocca il risultato: lancio di Boattin e tocco al volo di Bonansea a scavalcare il portiere Fedele.

La replica dell’Empoli arriva dalla sua n°9 che raccoglie palla da Bellucci e calcia dal limite dell’area, spedendo il pallone sopra la traversa.

Bianconere di nuovo pericolose in area empolese con la conclusione di Girelli murata e con quella di Staskova respinta in corner (24′). Un minuto dopo Bonansea calcia da fuori area mancando di poco il bersaglio.

Al 31′ Cristiana Girelli prova al volo di sinistro ma al conclusione della numero 10 è fuori misura.

Al 37′ l’Empoli trova il pari: cross di Glionna dalla destra, palla a tagliare l’area e Acuti, approfittando di una marcatura errata di Lundorf, insacca.

Bonansea non trova la porta su calcio di punizione al 41′, Fedele nel secondo minuto di recupero devia in corner un cross pericoloso.

Pioggia di gol nella ripresa

Nella ripresa la Juventus impiega 65″ per andare alla conclusione: Staskova calcia sull’esterno della rete all’altezza dell’area piccola. Al 51′ Galli prova da fuori area ma il tiro risulta sbilenco.

Pochi secondi dopo l’Empoli ha una clamorosa palla gol: Polli serve Acuti che calcia a botta sicura, ma trova la deviazione miracolosa di Giuliani in corner.

Sugli sviluppi del corner l’Empoli ribalta la partita con Elisa Polli, che da posizione centrale trova il bersaglio per la quarta volta in questo campionato di Serie A.

Le bianconere rispondono come meglio non potrebbero al 55′ con la doppietta di Bonansea, che dribbla Fedele e la mette in fondo al sacco.

Al 57′ altro colpo di scena: Fedele esce a valanga su Girelli e regala il rigore alla Juventus, che la stessa n°10 insacca nonostante Fedele intuisca la direzione del tiro.

Ancora Girelli al 61′ va vicinissima alla rete con una conclusione dalla distanza che termina di poco sopra la traversa.

Su schema da calcio da fermo le bianconere vanno vicine al quarto gol ma Sembrant calcia fuori (75′). Al 84′ Bonansea commette un errore e Cinotti calcia trovando la parata di Giuliani.

I colpi di scena non terminano perché un minuto l’arbitro assegna un calcio di rigore all’Empoli che Prugna insacca spiazzando il portiere bianconero.

Al 88′ Aurora Galli non trova la porta da fuori area, al 90+2′ Polli colpisce col braccio alto il pallone in area di rigore. Girelli dal dischetto segna nonostante il tocco di Fedele e al 90+3′ la Juve trova la rete del 4 a 3.

Negli ultimi minuti di recupero le bianconere perdono Sara Gama, uscita per un problema muscolare.

Pokerissimo Milan, Florentia di misura | Serie A

Successo in goleada per il Milan che ha battuto il San Marino Academy per 5 a 0, risultato meno umiliante per la formazione neo promossa in Serie A rispetto all’esordio traumatico contro l’Empoli.

Tucceri Cimini prova su punizione ad aprire le marcature al 8′, ma la conclusione termina di poco fuori. Il vantaggio arriva sempre su calcio da fermo e questa volta con Agard, che trafigge il portiere Ciccioli al 12′.

Giacinti non riesce a segnare la sua prima rete in questo campionato, Grimshaw fa meglio e insacca due volte al 30′ e al 45′.

Nella ripresa l’harakiri difensivo delle padrone di casa permette a Dowie di andare a segno al 51′, portando a quattro le reti della formazione rossonera.

Il Milan sbaglia qualche occasione potenzialmente pericolosa, il San Marino cresce e sfiora la prima rete in serie A con Muya che colpisce la traversa.

Al 82′ le rossonere vanno a bersaglio per la quinta volta ancora con Dowie, che sfrutta un assist di testa di Giacinti.

Nel recupero il San Marino prende il palo direttamente da calcio d’angolo e Giacinti non trova la rete, complice l’intervento di Ciccioli in corner.

Cantore, il gol dell’ex | Serie A

A San Gimingnano la Florentia trova i primi tre punti in campionato grazie al successo di misura ottenuto sull’Hellas Verona fanalino di coda.

Brutta partita nel primo tempo con la sola conclusione di Lotti che termina alta.

Meglio nella ripresa, con la Florentia che ci prova con Pugnali che manda di poco a lato, e con la contro risposta di Santi a cui replica il portiere avversario parando la conclusione.

Al 70′ sale in cattedra Cantore che con un’azione personale dalla sinistra va alla conclusione con una botta rasoterra ben angolata.

L’Hellas Verona potrebbe arrivare al pareggio ma Nichele coglie il palo sugli sviluppi di un’azione da corner.