Il Real Betis raccoglie il suo primo punto in questa stagione di Primera Iberdrola grazie al 1-1 ottenuto in casa del Levante.

Partita dominaca dalla formazione granota che rimonta a metà lo svantaggio maturato nel primo nel primo tempo, complice l’inferiorità numerica che penalizza le andaluse a inizio ripresa.

La prima metà di gara è nel segno del Levante, che prende in mano il gioco ma senza riuscite a infilare la porta delle andaluse.

La prima occasione pericolosa di marca Levante arriva al 16′ con Baños che in area e da posizione centrale calcia a lato.

Tre minuti dopo tocca a Toletti da posizione leggermente defilata andare al tiro e trovare la pronta respinta di Thalmann.

Al 26′ Crivelari calcia debolmente e un minuto dopo arriva il gol a sorpresa del Real Betis con Mari Paz, che in scivolata batte Valenzuela e dedica il gol alla compagna di squadra Rosa Marquez, fuori a causa della rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro rimediato un paio di settimane fa.

Inizio di ripresa in salita per il Real Betis che perde Perea dopo appena 3′ per doppio cartellino giallo.

Sugli sviluppi del calcio di punizione conseguente al fallo, Thalmann salva in tuffo sulla conclusione volante di Toletti.

Al 53′ Mendoza prova dalla distanza mandando a lato, cinque minuti dopo le andaluse rispondono con un calcio di punizione dal limite di Angela Sosa, terminato sull’esterno della rete.

Forti della giocatrice in più, il Levante punta su contropiede e rapidità, ma al 71′ questo non basta grazie al duplice intervento di Thalmann e di Chuingoué.

Al 76′ il Levante pareggia con Mendoza, che risolve di testa una mischia in area e rendendo vano un precedente salvataggio di Thalmann.

Al 90′ Queiroz manca incredibilmente l’opportunità del 2-1, rendendo vano il cross rasoterra dal fondo di Alba Redondo.

Otto volante Barcellona

Il Barcellona campione in carica della Primera Iberdrola non conosce ostacoli e non prova pietà per le sue avversarie. L’ultima vittima dell’uragano blaugrana è il Valencia, uscito dal Jordi Cruijff Estadi con un pesantissimo 0-8. E il bilancio delle campionesse di Spagna dopo tre giornate è impietoso: 18 gol fatti nei 270 minuti giocati e zero reti subite.

Il primo tentativo blaugrana verso la porta difesa da Salón arriva al 15′ con il colpo di testa di Putellas (migliore in campo) debole e parato dal portiere.

L’allenamento delle blaugrana dura lo spazio di 22 minuti di gioco e dal 23′ al 33′ mettono a segno cinque reti che mandano a picco il Valencia.

Incontenibile Putellas

Salón controlla male il pallone e sul suo rinvio Oshoala mette il piede e indirizza il pallone che rotola in fondo al sacco, poi sale in cattedra Putellas che mette a segno una tripletta: al 27′ con un diagonale di sinistro imprendibile per il portiere, al 28′ con un pallonetto da oltre 30 metri trovando Salón fuori dai pali e al 32′ con un colpo di testa molto angolato (cross di Graham Hansen).

Al 33′ Caldentey raccoglie un pallone calciato da Putellas e respinto dal portiere, battendolo con un rasoterra che vale il provvisorio 5-0.

Tre minuti dopo Putellas manca l’opportunità di mettere a segno il suo poker personale, merito della grande respinta del portiere delle valenciane.

Al 44′ il Barça manca il gol del 6-0 con Caldentey che da posizione favorevolissima spreca una bella giocata individuale di Oshoala.

L’attaccante africana trova il gol (doppietta) che chiude il primo set dopo appena 52″, insaccando il pallone crossato da Torrejón.

Cinque minuti dopo l’autrice del gol manca di testa la sua tripletta personale, al 71′ Martens insacca di testa un pallone crossato da Claudia Pina e realizza il 7-0.

Bruna Vilamala non riesce a insaccare di testa (palla alta), Martens trova la deviazione in corner del portiere, Graham Hansen al 84′ sigla il definitivo 8-0 sottraendo palla a un’avversaria e calciando all’angolo alto opposto a dove era posizionato il portiere.

Primera Iberdrola, risultati e classifica (3ª giornata)

Ecco i risultati e la classifica della Primera Iberdrola dopo la terza gioranta di campionato.

  • Eibar – Athletic Club 1-2 (39′ Aparicio; 27′ Barea, 89′ Corres)
  • Barcellona – Valencia 8-0 (23′ e 46′ Oshoala, 27′, 28′ e 32′ Putellas, 33′ Caldentey, 71′ Martens, 84′ Graham Hansen)
  • Real Sociedad – Siviglia 2-0 (62′ aut. Nicart, 75′ Franssi)
  • Alavés – Villareal 2-0 (24′ Ohale, 88′ Aguilar)
  • Madrid CFF – Rayo Vallecano 4-2 (4′ e 84′ Ferreira, 11′ e 42′ Ferraz; 6′ e 85′ Sancho)
  • Granadilla Tenerife – Real Madrid 1-1 (24′ N’Guessan; 85′ aut. Gavira)
  • Levante – Real Betis 1-1 (76′ Mendoza; 27′ Mari Paz)
  • Sporting Huelva – Atletico Madrid 0-3 (6′ Ludmila da Silva, 18′ López, 28′ aut. Ramirez).

Barça, Real Sociedad, Atletico Madrid e Alavés comandano la Primera Iberdrola a quota 9 punti, davanti ad Athletic Club e Madrid CFF a quota 6.

Seguono Levante a 5, Villareal a 4, Eibar 3, Huelva 2, Siviglia, Tenerife, Real Madrid, Real Betis e Valencia a 1, Rayo Vallecano a 0.