Jenni Hermoso vince il titolo dei cannonieri della Primera Iberdrola. Grazie alla tripletta realizzata contro l’Eibar, la n°7 del Barça raggiunge quota 31 gol, superando Esther Gonzalez (Levante) ferma a quota 29.

Nonostante il grande traguardo raggiunto dalla nazionale spagnola, i titoloni da prima pagina vanno a Mariona Caldentey, grande protagonista con una quaterna.

La prima frazione di gioco assume le sembrianze di una partita di tennis. Dal 17′ al 28′ Mariona Caldentey e Jenni Hermoso vanno a segno entrambe per due volte. Nel mezzo una splendida punizione di Alexia Putellas per il provvisorio 2-0.

Jenni Hermoso fa hattrick al 42′ e mette l’ultima firma sulla conquista del primato delle bomber di questa Primera Ibedrola, Aparicio accorcia le distanze per le basche nel secondo minuto di recupero.

Nella ripresa il carrarmato Barça asfalta le avversarie con le reti di Caldentey (53′ e 81′) che completa il suo poker, e con il rigore di Codina al 90+3′ che vale il 9-1 finale.

Il Barcellona chiude la sua magnifica stagione di Primera Iberdrola con 99 punti (33 vittorie e 1 sconfitta), 167 gol fatti, 15 subiti e con Hermoso capocannoniere.

Nonostante i grandi risultati, culminati con la conquista della Champions League e la Copa de la Reina, perde il suo allenatore Lluis Cortés che ha annunciato l’addio alle sue giocatrici poco prima dell’inizio della partita.

Primera Iberdrola, Real Madrid chiude al secondo posto

Il Real Madrid chiude al secondo posto la sua prima stagione in Primera Iberdrola, culminata con la rimonta sul Levante e il pass staccato per la prossima Champions League.

Nell’ultima partita della Primera Iberdrola 2020/21, le blancas pareggiano per 1-1 il match casalingo contro il Granadilla Tenerife.

Abelleira è protagonista dei primi minuti di gioco. Al 14′ calcia da fuori e trova la parata di Reis, quattro minuti dopo trova un missile dalla lunetta che si infila sotto l’incrocio dei pali per l’1-0 Real.

La punizione di Peña termina alta, il cross di Carmona diretto in porta viene smanacciato da Reis che impedisce il raddoppio merengues.

Al 51′ il Granadilla Tenerife può godere di una massima punizione per fallo di Andrés su Martin-Prieto. Dal dischetto Peña non sbaglia, nonostante Gómez Camino intuisca la direzione del tiro.

Tra il 63′ e il 64′ Martin-Prieto calcia alto da posizione favorevole e Doblado calcia alto.

Per una nuova azione pericolosa bisogna attendere il minuto 82, quando N’Guessan prova il tiro da fuori area senza centrare lo specchio della porta.

Nel recupero le padrone di casa provano a portarsi in vantaggio con due conclusioni che terminano fuori dallo specchio della porta.

Al terzo posto chiude il Levante, che cade in casa dell’Atletico Madrid per 0-1. Decisiva l’autorete del portiere Paraluta al 62′. Al 73′ l’estremo difensore viene espulso, lasciando le valenciane in dieci.

Le granota avrebbero dovuto vincere con più di 20 gol di scarto per sorpassare il Real Madrid nell’ottica della differenza reti.

Siviglia, vittoria in rimonta sull’Espanyol

Nell’anticipo di Primera Iberdrola, il Siviglia ha battuto in rimonta l’Espanyol per 2-1.

Le catalane centrano il palo con Lomba al 27’e passano in vantaggio al 33′ con Szymanowski, che approfitta del passaggio assassino di Garcia Montilla per scavalcare Ramos con un pallonetto.

Nella ripresa Raquel Pinel pareggia i conti al 51‘, insaccando di testa alla destra di Dossey. Toni Payne al 75′ completa la rimonta concretizzando un’azione personale con un tracciante terra-aria che lascia il portiere avversario può solo toccare.

Lomba manca al 78′ il possibile gol del pari, trovando il salvataggio di Ramos. al 90+1′ Echeverri manca il tris calciando sull’esterno della rete.

Le altre partite della Primera Iberdrola e la classifica finale

Il Deportivo La Coruña si congeda dalla Primera Iberdrola con il successo per 3-0 sull’Athletic Club di Bilbao.

Ainoa Campo apre le marcature al 31′, Athenea del Castillo bissa dal dischetto tre minuti dopo e sigla il 3-0 al 66′, sempre dagli undici metri.

Pareggio senza reti tra Rayo Vallecano e Logroño, ko per il Santa Teresa sul campo dello Sporting Huelva. Il vantaggio di Boa al 8′ illude la formazione di Badajoz, che crolla sotto i colpi di Ramirez (rigore al 37′) e Morilla al 41′.

Il Real Betis pareggia in casa del Madrid CFF rimontando lo svantaggio di 0-2 del primo tempo (reti di Israel al 7′ e rigore di Hickmann al 45+5′) grazie a Chigoué al 48′ e a Parea al 89′.

Successo della Real Sociedad per 3-1 in casa del Valencia. La doppietta di Sarriegi (2′ e 79′) e il gol di Franssi al 40′ rendono inutile il gol della bandiera di Aguado al 84′.

In classifica il Barça vince la Primera Iberdrola con 99 punti, davanti a Real Madrid a 74 e Levante a 70 (qualificate alla prossima UWCL).

Seguono Atletico Madrid a 63, Real Sociedad* e Tenerife a 58, Madrid CFF a 53, Valencia a 47, Siviglia a 45, Sporting Huelva a 44, Athletic Club a 40, Real Betis a 35, Rayo Vallecano a 34, Eibar a 33.

Retrocedono in Reto Iberdrola: Deportivo Abanca con 29 punti, Espanyol con 25, Logroño e Santa Teresa con 24.