Torniamo a parlare di calcio sudamericano con la nuova intervista esclusiva realizzata a Paola Villamizar.

Dotata di grande rapidità e potenza, l’attaccante venezuelana ha conquistato il titolo cileno con la maglia del Santiago Morning.

Intervista esclusiva con Paola Villamizar

Il tuo anno 2020 si è concluso con il titolo di campione del Cile con la squadra del Santiago Morning, che giocherà la prossima Copa Libertadores in Argentina nel mese di marzo. Qual’è stata la prima cosa che hai pensato alla fine della partita e alla premiazione?

Ci sono molte emozioni in quel momento che non sai come riconoscerle, il tuo lavoro e la tua perseveranza ti fanno arrivare lì. Il Santiago Morning ha una squadra incredibile e so che può ottenere molto di più.

Come guardano i tifosi di calcio il calcio femminile? Cosa ne pensi?

A mio parere, il sostegno è stato essenziale per ottenere diversi risultati positivi, poiché in ogni Paese manca un po ‘più di supporto.

Prima di arrivare in Cile, giocavi con la maglia del Santos. Quali sono le differenze tra il calcio brasiliano e quello cileno?

Il brasiliano ha molto sambal, vivono il vivono e sognano il calcio, è qualcosa di impressionante. È nato con quel dono naturale.

L’anno scorso è stato molto difficile per tutti a causa della pandemia. Come hai vissuto i mesi prima di giocare di nuovo a calcio?

Mi sono riposata molto mentalmente e ho recuperato da vari infortuni, così come non si smette mai di allenarsi, si fa sempre qualcosa comunque.

“Boca o River? Vinca la migliore ”.

Cile e Uruguay hanno concluso la mini stagione, in Argentina il 19 gennaio si concluderà il Superclasico Boca-River. Chi vincerà il titolo argentino per te?

Che vinca il migliore, sono due fortissimi rivali.

Ti piacerebbe giocare in Europa un giorno? E con quali squadre?

Hai sempre un sogno: andare nei grandi club e goder di ciò che sai giocare.

Sul tuo profilo Instagram ci sono foto di Roma. Cosa ti piace di questa città e dell’Italia?

Roma mi è piaciuta molto la sua tranquillità, la sua antichità. In realtà tutto.

Cosa ti aspetti da quest’anno e cosa ti piacerebbe vedere nel 2021?

Dio ha il controllo di dove dovrei essere e dove sono, farò del mio meglio.