Portland Thorns cade in casa del Chicago Red Stars nel secondo anticipo della ventesima giornata della NWSL. Secondo ko consecutivo che potrebbe permettere all’OL Reign, impegnato contro l’Orlando Pride, di dimezzare il divario.

La formazione di casa crea la prima occasione da gol al 3′ con Wright che riceve palla da Watt e trova la deviazione in corner di Bixby.

Al 21′ Hill non sfrutta quel po’ di libertà a lei lasciata e calcia sul palo del portiere che non trattiene e il pallone termina in calcio d’angolo.

A sorpresa le Thorns trovano la rete del vantaggio al 24′ con Sinclair che piazza col mancino sul palo e poi in rete.

La reazione Red Stars non si fa attendere e giunge con la rete del pari un giro di lancette dopo, complice una palla non trattenuta da Bixby che Watt deposita in rete.

Il portiere delle Thorns ha qualche problema con le palle basse e un’altra palla non trattenuta sul tiro di Pugh costringe una compagna di squadra a mandare il pallone in corner.

Nella ripresa Miller devia in corner un cross di Rodriguez diretto in porta, dall’altra parte Watt parte in azione personale e trova la deviazione di Bixby in corner.

Il gol è nell’aria e arriva al 65′ con il colpo di testa di Hill che sfrutta un perfetto cross di Pugh.

NWSL, nuova caduta per NC Courage

Nel primo anticipo di NWSL, la North Carolina Courage cade per 1-3 contro Gotham FC.

Alla formazione ospite non basta la rete del vantaggio messa a segno da James, che controlla palla al limite dell’area e lascia partire un collo pieno imprendibile per Sheridan (20′).

Vantaggio che dura lo spazio di otto minuti, quelli necessari al Gotham FC per raggiungere il gol del pari con Carli Lloyd su calcio di rigore.

Al 36′ la formazione di casa effettua il sorpasso: assist di Onumonu in mezzo per Purce che tutta sola batte Murphy per il 2-1.

L’autrice dell’assist sbaglia a tu per tu con il portiere avversario la conclusione che avrebbe potuto regalare il +2 al 55′.

Il gol è comunque nell’aria e arriva al 82′ al termine di un’azione di ripartenza conclusa da Monaghan, che infila il portiere chiudendo di fatto la partita. La deviazione di Kurtz spiazza Murphy e condanna la franchigia della Nord Carolina.